Il problema

"Se il declino degli impollinatori naturali continua, corriamo il rischio di perdere una parte considerevole della flora a livello globale"

La situazione in Europa e a livello mondiale delle api e degl altri impollinatori

Le api e gli altri insetti impollinatori giocano un ruolo essenziale negli ecosistemi: un terzo del nostro cibo dipende dalla loro opera di impollinazione.

Se questi preziosi insetti sparissero, le conseguenze sulla produzione alimentare sarebbero devastanti.
Chi impollinerebbe le coltivazioni?
L’impollinazione artificiale è una pratica faticosa, lenta e costosa. Il valore di questo servizio, offerto gratis dalle api di tutto il mondo, è stato stimato in circa 265 miliardi di euro all’anno.
Difendere le api è quindi di nostro interesse, anche da un punto di vista economico.

Il declino delle api

Dalla fine degli anni '90, molti apicoltori (soprattutto in Europa e Nord America) hanno iniziato a segnalare un'anomala e repentina diminuzione nelle colonie di api.

Le api fanno molto più del miele!
L’opera di impollinazione che svolgono queste piccole regine della biodiversità, è fondamentale per la produzione alimentare. E in questo, sono aiutate anche da altri insetti come bombi, farfalle e vespe.
Un terzo del cibo che mangiamo dipende dall’impollinazione degli insetti: ad esempio zucchine, albicocche, mandorle, coriandolo, olio di colza, e molti altri…
Solo in Europa, oltre 4.000 verdure dipendono dall’impollinazione degli insetti.
Oggi, le api continuano a morire e il loro inesorabile declino ha impatti anche sugli esseri umani.
La nostra vita dipende dalla loro.

40

Perdita commerciale delle api
negli Stati Uniti dal 2006

25

Perdita commerciale delle api
in Europa dal 1985

45

Perdita commerciale delle api
nel Regno Unito dal 2010

"Since 1998, individual beekeepers in Europe have been reporting unusual weakening and mortality in colonies, particularly in France, Belgium, Switzerland, Germany, the United Kingdom, the Netherlands, Italy and Spain."

− UNEP, 2010

"The benefit from pollination is high enough in a large part of the world to seriously affect conservation strategies and land-use decisions if these values were taken into account."

− Lautenbach et al, 2012

"When fields are sprayed with more pesticides, more fertilisers are applied and valuable agricultural structural elements, such as hedges and rows of trees, are transformed into fields, the insects vanish."

− Helmholtz Centre for Environmental Research, 2012

Aiutaci a salvare le api

Aiutaci a salvare le api

Aggiungi la tua voce a quella di migliaia di persone in tutto il mondo che vogliono proteggere le api.
NO pesticidi killer e agricoltura industriale. SI a un’agricoltura ecologica e sostenibile!
Più siamo, più saremo in grado di influenzare governi e aziende, chiedendo loro di agire subito per salvare le api.

Onorevole Ministro dell’Agricoltura,
come certamente saprà, alcuni pesticidi stanno danneggiando gravemente le api e gli altri insetti impollinatori a spese dell’ambiente, del nostro cibo e degli agricoltori.
Per questo Le chiedo di agire a livello nazionale ed europeo per:
• vietare immediatamente l’uso di tutti i pesticidi dannosi per api e impollinatori (compresi i pesticidi killer delle api più pericolosi: clothianidin, imidacloprid, thiametoxam, fipronil, clorpirifos, cipermetrina e deltametrina);
• adottare piani d’azione per le api al fine di 1) monitorare la salute delle api e degli altri impollinatori, 2) ridurre l’uso dei pesticidi 3) sviluppare pratiche agricole non dipendenti da prodotti chimici e incrementare la biodiversità in agricoltura;
• destinare i fondi per la ricerca in agricoltura verso pratiche agricole ecologiche e non di stampo industriale.
Cordiali saluti.

bee-feather_rtl

536'646

Firme

Firmando riceverai informazioni in linea con le tue preferenze e interessi su questa ed altre attività di Greenpeace. Tuteliamo la tua privacy.

3 orario fa

Mariana Carranza ha aiutato le api