Le richieste di Greenpeace

“Le api e gli altri impollinatori naturali hanno un ruolo cruciale
per l’agricoltura e la produzione alimentare”

Politiche agricole europee

Le politiche agricole europee - specialmente la Politica Agricola Comune (PAC) - dovrebbero prendere in seria considerazione le evidenze scientifiche sui fattori che minacciano la sopravvivenza delle colonie di api domestiche e degli altri impollinatori naturali, e agire per la loro salvaguardia.

È indispensabile e urgente un intervento volto a preservare il servizio di impollinazione naturale, così importante per il nostro ecosistema.

Gli strumenti già esistenti per proteggere le api – di provata efficacia – dovrebbero essere incorporati nelle politiche agricole, per incoraggiare pratiche agricole non dannose per le api. Inoltre servono rigorose regolamentazioni a livello europeo sull’uso delle sostanze potenzialmente dannose per le api, in base al principio di precauzione e delle attuali evidenze scientifiche sui danni e vulnerabilità delle api. Queste cautele dovrebbero riguardare anche gli altri insetti impollinatori, in relazione al loro ruolo cruciale per garantire l’impollinazione e la produzione alimentare.

Vietare l’uso dei pesticidi dannosi per le api

… a partire dalle sostanze più pericolose attualmente autorizzate in Europa, come imidacloprid, thiamethoxam, clothianidin, fipronil, clorpirifos, cipermetrina e deltametrina. (leggi rapporto «Api in declino»).

Sostenere e promuovere pratiche agricole sostenibili

Attraverso l’adozione di piani d’azione per gli impollinatori a livello nazionale, sostenere e promuovere pratiche agricole che apportino benefici all’opera di impollinazione all’interno dei sistemi agricoli: come la rotazione delle colture, aree di interesse ecologico a livello aziendale, e l’agricoltura biologica.

Migliorare la conservazione degli habitat naturali e semi-naturali

… all’interno e intorno alle aree agricole, nonché incrementare la biodiversità nei campi.

Aumentare i finanziamenti per la ricerca, lo sviluppo e l’applicazione di pratiche agricole ecologiche

… che si allontanino dalla dipendenza da sostanze chimiche per il controllo dei parassiti, per andare verso l’uso di strumenti basati sulla biodiversità per controllare i parassiti e migliorare la salute degli ecosistemi. A livello europeo bisogna indirizzare maggiori fondi per la ricerca sull’agricoltura ecologica nell’ambito della PAC (pagamenti diretti) e di Orizzonte 2020 (programma europeo di ricerca).

Aiutaci a salvare le api

Aiutaci a salvare le api

Aggiungi la tua voce a quella di migliaia di persone in tutto il mondo che vogliono proteggere le api.
NO pesticidi killer e agricoltura industriale. SI a un’agricoltura ecologica e sostenibile!
Più siamo, più saremo in grado di influenzare governi e aziende, chiedendo loro di agire subito per salvare le api.

Onorevole Ministro dell’Agricoltura,
come certamente saprà, alcuni pesticidi stanno danneggiando gravemente le api e gli altri insetti impollinatori a spese dell’ambiente, del nostro cibo e degli agricoltori.
Per questo Le chiedo di agire a livello nazionale ed europeo per:
• vietare immediatamente l’uso di tutti i pesticidi dannosi per api e impollinatori (compresi i pesticidi killer delle api più pericolosi: clothianidin, imidacloprid, thiametoxam, fipronil, clorpirifos, cipermetrina e deltametrina);
• adottare piani d’azione per le api al fine di 1) monitorare la salute delle api e degli altri impollinatori, 2) ridurre l’uso dei pesticidi 3) sviluppare pratiche agricole non dipendenti da prodotti chimici e incrementare la biodiversità in agricoltura;
• destinare i fondi per la ricerca in agricoltura verso pratiche agricole ecologiche e non di stampo industriale.
Cordiali saluti.

bee-feather_rtl

531'647

Firme

Firmando riceverai informazioni in linea con le tue preferenze e interessi su questa ed altre attività di Greenpeace. Tuteliamo la tua privacy.

1 ora fa

Chelsea Nist ha aiutato le api