Soluzioni

“Le politiche agricole europee - specialmente la
Politica Agricola Comune (PAC) - dovrebbero prendere
in seria considerazione le attuali evidenze scientifiche”

Cosa possiamo fare per proteggere api e impollinatori

Le minacce verso gli impollinatori, allevati o selvatici che siano, sono reali e complesse. Affrontarle in modo organico e integrato sarà un compito vasto e complesso, ma fondamentale.

L’adozione di misure per affrontare uno dei principali fattori che influenzano gli impollinatori, vale a dire l’impatto dell’agricoltura intensiva, sarà un passo cruciale nella giusta direzione. Qualsiasi progresso nel trasformare l’attuale sistema agricolo di stampo industriale in uno ecologico e sostenibile, ci darà molti benefici, non solo per le api, ma anche per ambiente e sicurezza alimentare.È questa l’essenza del rapporto di Greenpeace “A come ape” che raccoglie una serie di video su “casi studio” che illustrano esperienze di agricoltori, scienziati, istituti di ricerca. Questa rassegna mostra come le tecniche di coltivazione ecologiche siano già praticate con successo in tutta europa.

1. Vietare l'uso dei pesticidi dannosi per le api

…a partire dalle sostanze più pericolose attualmente autorizzate in Europa, come imidacloprid, thiamethoxam, clothianidin, fipronil, clorpirifos, cipermetrina e deltametrina.

2. Sostenere e promuovere pratiche agricole sostenibili

Attraverso l’adozione di piani d’azione per gli impollinatori a livello nazionale, sostenere e promuovere pratiche agricole che apportino benefici all’opera di impollinazione all’interno dei sistemi agricoli: come la rotazione delle colture, aree di interesse ecologico a livello aziendale, e agricoltura biologica.

3. Migliorare la conservazione degli habitat naturali e semi-naturali

… all’interno e intorno alle aree agricole, nonché incrementare la biodiversità nei campi.

4. Aumentare i finanziamenti per la ricerca, lo sviluppo e l'applicazione di pratiche agricole ecologiche

… che si allontanino dalla dipendenza da sostanze chimiche per il controllo dei parassiti, per andare verso l’uso di strumenti basati sulla biodiversità per controllare i parassiti e migliorare la salute degli ecosistemi. A livello europeo bisogna indirizzare maggiori fondi per la ricerca sull’agricoltura ecologica nell’ambito della PAC (pagamenti diretti) e di Orizzonte 2020 (programma europeo di ricerca).

Riduzione di pesticidi in Italia

Guarda l'intervista con Lorenzo Furlan

Il Dr. Lorenzo Furlan, manager del Settore di Ricerca Agraria presso Veneto Agricoltura, sperimenta e sviluppa pratiche agricole che permettono di ridurre l'uso di pesticidi, garantendo gli stessi livelli di produzione e mantenendo o aumentando la fertilità del suolo. Il suo lavoro dimostra che, per il mais, è possibile applicare metodi di gestione integrata dei parassiti (IPM) con una drastica riduzione dell'uso di insetticidi del suolo (microgranulari e concia dei semi).
Per Furlan i metodi di IPM hanno eccellenti risultati nella produzione di mais senza neonicotinoidi. Attraverso la comprensione dei possibili fattori di rischio, l'uso di insetticidi può essere ridotto di oltre il 90 per cento, con minori effetti negativi sugli insetti utili e meno rischi per la salute dei lavoratori.
Furlan ritiene che le politiche agricole dovrebbero aiutare la transizione dall'agricoltura convenzionale a quella innovativa, dalla difesa convenzionale a quella integrata, coprendo i rischi per gli agricoltori con forme assicurative innovative. Ritiene necessaria un'assistenza tecnica indipendente nelle aziende per mostrare agli agricoltori queste tecniche e supportarli nella transizione.

Scarica il booklet con tutte le interviste.

Dr. Lorenzo Furlan

Dr. Lorenzo Furlan

Ricercatore, Italia

Approfondimenti dalla Svizzera

Guarda l'intervista con Hans Herren

Hans Herren è uno studioso affermato a livello internazionale. Ha ottenuto numerosi riconoscimenti e fa parte dei board di diverse organizzazioni, incluso l'International Assessment of Agricultural Knowledge, Science & Technology (IAASTD)

Scarica il booklet con tutte le interviste.

Hans Herren

Hans Herren

Scienziato da Zurigo, Svizzera

Guarda l'intervista con Claudia Daniel

Claudia Daniel, ricercatrice del FIBL, sta sviluppando una strategia per monitorare i coleotteri, insetti fortemente attratti dal polline della colza. Fortemente voluto dagli agricoltori biologici, il progetto vuole trovare un modo di limitare le popolazioni di questi insetti senza l'uso di pesticidi.

Scarica il booklet con tutte le interviste.

Dr. Claudia Daniel

Dr. Claudia Daniel

Scienziata da Frinck, Svizzera

L’agricoltura ecologica in Francia

Guarda le interviste

Yvonne e Steve Page producono frutta e verdura con i metodi della permacultura. Nel loro orto coltivano una varietà di colture che distribuiscono attraverso diversi canali. Eric Escoffier è un'autorità del mondo della permacultura in Francia: formatore e consulente, fa parte di ``Permaculture sans frontières`` e della ONG ``Les mains sages – Permaculture``.

Scarica il booklet con tutte le interviste.

Eric Escoffier

Eric Escoffier

Consulente, Francia

Yvonne Page

Yvonne Page

Agricoltrice, Francia

Steve Page

Steve Page

Agricoltore, Francia

Guarda l'intervista con Marc Dufumier

Marc Dufumier insegna agronomia nella principale Università di Agronomia della Francia, a Parigi, ed è ampiamente riconosciuto come un esperto dello sviluppo rurale.
Parla dei meriti dell'agricoltura ecologica che riconosce le complesse relazioni tra piante, animali e microrganismi sia nell'atmosfera che nel suolo.

Scarica il booklet con tutte le interviste.

Prof. Em. Marc Dufumier

Prof. Em. Marc Dufumier

Scienziato ed esperto di sviluppo rurale, Francia

Guarda l'intervista con Astrid e Olivier Bonnafont

Astrid e Olivier Bonnafont gestiscono un vigneto biologico. Come viticoltori, sovrintendono anche alla produzione, fermentazione e maturazione del vino. Il loro obiettivo è quello di raggiungere un'armonia tra la coltivazione e l'ambiente naturale e realizzare un prodotto che sia vicino alla natura, del tutto basato su ingredienti naturali.

Scarica il booklet con tutte le interviste.

Olivier Bonnafont

Olivier Bonnafont

Agricoltore, Francia

Astrid Bonnafont

Astrid Bonnafont

Agricoltrice, Francia

Pratiche agricole dalla Spagna

Guarda l'intervista con Charo Guerrero

Charo Guerrero è una coltivatrice di cotone spagnola. Partecipa ad un progetto di ricerca sperimentale per la coltivazione del cotone secondo modalità più rispettose dell'ambiente.

Scarica il booklet con tutte le interviste.

Charo Guerrero

Charo Guerrero

Agricoltrice, Spagna

Guarda l'intervista con Alberto Calderon

Alberto Calderon è un tecnico agrario e lavora in un programma di supporto ai Gruppi di Produzione Integrata (IPG) che riunisce produttori di cotone per usare metodi di coltivazione più sostenibili. Il programma include analisi sul suolo e sulle piante per determinare la quantità di fertilizzanti necessaria.

Scarica il booklet con tutte le interviste.

Alberto Calderon

Alberto Calderon

Tecnico agrario, Spagna

Idee dalla Grecia

Guarda l'intervista con Fani Hatjina

La ricerca di Fani Hatjina è focalizzata principalmente sui neonicotinoidi e sul loro impatto sulle api, con l'obiettivo di testare situazioni reali su diverse colture. Il suo programma di ricerca era partito perché gli apicoltori accusavano problemi legati all'uso dei pesticidi nei campi.

Scarica il booklet con tutte le interviste.

Dr. Fani Hatjina

Dr. Fani Hatjina

Ricercatrice specializzata sulle api, Grecia

Guarda l'intervista con Giannis Melos

Giannis Melos è un produttore biologico che coltiva, tra le altre cose, arance e limoni, piante molto appetitose per le api. Ha scoperto l'agricoltura biologica mentre stava cercando delle soluzioni per migliorare sia la sua situazione finanziaria che i suoi metodi di coltivazione.

Scarica il booklet con tutte le interviste.

Giannis Melos

Giannis Melos

Agricoltore, Grecia

Soluzioni dalla Polonia

Guarda l'intervista con Thomasz Obszanski

Scarica il booklet con tutte le interviste.

Tomasz Obszański

Tomasz Obszański

Agricoltore e fondatore di una cooperativa, Polonia

Guarda l'intervista con Stanisław Flaga

Specialista nel campo dell'agricoltura ecologica, Stanisław Flaga è autore di studi sulle alternative ai pesticidi e sui metodi di controllo biologico dei parassiti. Inoltre è uno dei più rinomati apicoltori professionisti in Polonia che lavorano per tutelare le specie in pericolo.

Scarica il booklet con tutte le interviste.

Dr. ing. Stanisław Flaga

Dr. ing. Stanisław Flaga

Ricercatore e apicoltore, Polonia

Guarda l'intervista con Piotr Medrzycki

Piotr Me˛drzycki è un ricercatore polacco che vive a Bologna e collabora con APENET, progetto italiano di ricerca e monitoraggio multidisciplinare principalmente rivolto alla valutazione dello stato di salute delle popolazioni di api in relazione all'applicazione di insetticidi neonicotinoidi e fipronil.

Scarica il booklet con tutte le interviste.

Dr. Piotr Medrzycki

Dr. Piotr Medrzycki

Ricercatore, Italia

Cosa succede in Olanda

Guarda l'intervista con Merijn M Bos e Jan van Kempen

Scarica il booklet con tutte le interviste.

Dr. Merijn M Bos

Dr. Merijn M Bos

Ricercatore e consulente, Olanda

Jan van Kempen

Jan van Kempen

Agricoltore, Olanda

Guarda l'intervista con Jim Grootscholte e Henri Oosthoek

Jim Grootscholte produce peperoni su larga scala in serre. È un agricoltore dai metodi veramente innovativi che sperimenta varie tecniche di controllo biologico.
Henri Oosthoek è uno dei direttori della Koppert Biological Systems, azienda leader nel controllo biologico e nei servizi di impollinazione per coltivatori professionali.

Scarica il booklet con tutte le interviste.

Jim Grootscholte

Jim Grootscholte

Agricoltore, Olanda

Henri Oosthoek

Henri Oosthoek

Imprenditore, Olanda

Guarda l'intervista con Hans van Hage e Geertje van der Krogt

Scarica il booklet con tutte le interviste.

Hans van Hagen

Hans van Hagen

Agricoltore, Olanda

Geertje van der Krogt

Geertje van der Krogt

Agricoltrice, Olanda

Esperienze dalla Germania

Guarda l'intervista con Gyso von Bonin

Gyso von Bonin gestiste una grande azienda agricola, che comprende 18 diverse colture e numerosi animali. Pratica l'agricoltura biologica secondo il modello biodinamico, seguendo gli insegnamenti di Rudolf Steiner, e sta attualmente conducendo test sul campo per il controllo con metodi alternativi dei parassiti della colza.

Scarica il booklet con tutte le interviste.

Gyso von Bonin

Gyso von Bonin

Agricoltore, Germania

Guarda l'intervista con Rudolf-Udo Ehlers

Il prof. Udo Ehlers, membro dell'International Organisation of Biological and Integrated Control (IOBC), è un rinomato scienziato ed è profondamente coinvolto in progetti di ricerca europei sui metodi di lotta biologica.

Scarica il booklet con tutte le interviste.

Prof. Dr. Rudolf-Udo Ehlers

Prof. Dr. Rudolf-Udo Ehlers

Ricercatore e imprenditore nel settore agricolo, Germania

Soluzioni dall’Austria

Guarda l'intervista con Erich Stekovics

L'azienda agricola di Erich Stekovics si fonda sulla diversità delle specie coltivate, concentrandosi principalmente sui pomodori e sul recupero di antiche varietà. Ogni anno fioriscono nei suoi campi circa 1000 diverse varietà di pomodori.

Scarica il booklet con tutte le interviste.

Guarda l'intervista con Martin Filipp

Martin Filipp conduce un'azienda agricola che produce frutta, in particolare mele, a Bogenneusiedl, in Austria. È anche docente presso l'University of Natural Resources and Life Sciences di Vienna.

Scarica il booklet con tutte le interviste.

Cosa sta succedendo in Ungheria

Guarda l'intervista con Peter Roszik

Peter Roszík si occupa di agricoltura e protezione delle colture. In oltre 30 anni di esperienza nel biologico, è stato per 20 anni il direttore della Biokontroll Hungária Ltd, azienda che verifica e certifica il lavoro dei professionisti nel settore dei prodotti biologici. Biokontroll ha oltre 2.000 aziende partner e certifica per un'area di circa 120mila ettari.

Scarica il booklet con tutte le interviste.

Guarda l'intervista con Matthew Hayes

Matthew Hayes è diventato agricoltore biologico più di 30 anni fa. Oggi coltiva i suoi terreni a Zsámbok e produce verdure, insalata ed erbe aromatiche, che vende ad una rete di gruppi di acquisto. Hayes incoraggia la biodiversità nei suoi 3,5 ettari di terra. Lavora con diversi sistemi di rotazione delle colture e varietà resistenti, cosa che lo porta ad avere meno problemi con i parassiti.

Scarica il booklet con tutte le interviste.

Esperienze dalla Romania

Guarda l'intervista con Ion Toncea

Ion Toncea è il manager dell' Agro-Ecological Research Centre di Fundulea, in Romania. Il suo lavoro nel settore dell'agricoltura ecologica è iniziato nel 1994 e il suo obiettivo è di trovare tecnologie ottimali per coltivare piante in maniera ecologica. Lavora a diverse colture tra cui molte varietà di legumi, cereali e spezie. Toncea condivide le sue conoscenze con gli studenti e nei corsi per agricoltori professionali.

Scarica il booklet con tutte le interviste.

Aiutaci a salvare le api

Aiutaci a salvare le api

Aggiungi la tua voce a quella di migliaia di persone in tutto il mondo che vogliono proteggere le api.
NO pesticidi killer e agricoltura industriale. SI a un’agricoltura ecologica e sostenibile!
Più siamo, più saremo in grado di influenzare governi e aziende, chiedendo loro di agire subito per salvare le api.

Onorevole Ministro dell’Agricoltura,
come certamente saprà, alcuni pesticidi stanno danneggiando gravemente le api e gli altri insetti impollinatori a spese dell’ambiente, del nostro cibo e degli agricoltori.
Per questo Le chiedo di agire a livello nazionale ed europeo per:
• vietare immediatamente l’uso di tutti i pesticidi dannosi per api e impollinatori (compresi i pesticidi killer delle api più pericolosi: clothianidin, imidacloprid, thiametoxam, fipronil, clorpirifos, cipermetrina e deltametrina);
• adottare piani d’azione per le api al fine di 1) monitorare la salute delle api e degli altri impollinatori, 2) ridurre l’uso dei pesticidi 3) sviluppare pratiche agricole non dipendenti da prodotti chimici e incrementare la biodiversità in agricoltura;
• destinare i fondi per la ricerca in agricoltura verso pratiche agricole ecologiche e non di stampo industriale.
Cordiali saluti.

bee-feather_rtl

531'648

Firme

Firmando riceverai informazioni in linea con le tue preferenze e interessi su questa ed altre attività di Greenpeace. Tuteliamo la tua privacy.

6 orario fa

Kara Anderson ha aiutato le api